fbpx

VISITA RAVENNA CON GTI

SPONSOR
SPONSOR

VISITA RAVENNA CON LE GUIDE TURISTICHE ITALIANE

Organizza la tua visita guidata a Ravenna con GTI-Guide Turistiche Italiane e Riviera Experience

Ravenna, con la sua storia millenaria, i suoi mosaici e i suoi otto monumenti UNESCO che la rendono celebre in tutto il mondo, ha deciso di accettare la sfida e coniugare lo sport agonistico con il turismo culturale. In occasione della maratona di Ravenna (14 novembre 2021) Riviera Experience e GTI Guide Turistiche Italiane, in collaborazione con gli organizzatori del grande evento sportivo, propongono un ventaglio di appuntamenti per visitare e conoscere la città e le sue prestigiose opere d’arte: tour diversificati e dedicati a tutti, accessibili, divertenti e innovativi, anche grazie all’esperienza e alla preparazione di professionisti del turismo culturale che saranno a vostra disposizione con uno stand allestito all’Expo Marathon Village o direttamente online.

 

RAVENNA PATRIMONIO MONDIALE – SPORT E TURISMO A RAVENNA

Chi visita Ravenna se ne innamora subito: successe a Boccaccio che vi ambientò una delle sue più belle novelle; a Gustav Klimt che ne trasse ispirazione manifestamente, a Hermann Hesse che la visitò dedicandovi alcuni versi.
Ravenna è romana, gota, bizantina, ma anche medioevale, veneziana e infine contemporanea, civile e ospitale, ricca di eventi culturali e manifestazioni di prestigio internazionale che la rendono proiettata verso il futuro.
Che dire, unire sport e turismo a Ravenna sarà un’esperienza indimenticabile!

 

VISITE ESCLUSIVE A CURA DELLE GUIDE GTI

Itinerari guidati per tutte le esigenze per vivere insieme Ravenna e i suoi capolavori

VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI
VISITA RAVENNA CON GTI

“L’insieme dei monumenti religiosi paleocristiani e bizantini di Ravenna è di importanza straordinaria in ragione della suprema maestria artistica dell’arte del mosaico. Essi sono inoltre la prova delle relazioni e dei contatti artistici e religiosi di un periodo importante della storia della cultura europea”.
Con questa motivazione è stata sancita dall’Unesco nel dicembre del 1996 l’iscrizione dei monumenti paleocristiani nella Lista del Patrimonio dell’Umanità.
Ravenna è uno scrigno d’arte, di storia e di cultura di prima grandezza: fra V e VIII secolo fu tre volte capitale e la magnificenza di quel periodo ha lasciato rilevanti testimonianze giunte fino a noi.

Ravenna è la città del mosaico: quest’espressione artistica non ha avuto origine qui, ma qui ha trovato la sua più alta espressione in una commistione di simbolismo e realismo, di influenze romane e bizantine e ancora oggi questo antico sapere delle mani rivive nelle scuole e nelle botteghe.

Tra le sue antiche mura si conserva il più ricco patrimonio di mosaici dell’umanità risalente al V e al VI secolo. Per questa ragione i suoi edifici religiosi paleocristiani e bizantini sono stati riconosciuti patrimonio mondiale da parte dell’Unesco: il semplice involucro del Mausoleo di Galla Placidia nasconde uno scrigno di stelle infinite; la raffinata composizione che decora il Battistero Neoniano  si ispira a una colta tradizione ellenistica, ripresa anche dal Battistero degli Ariani; la regalità della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo rivela le sue origini di chiesa palatina, eretta da Teodorico il Grande, re degli Ostrogoti; oltre cento deliziosi piccoli uccelli introducono nell’intimità della Cappella di Sant’Andrea, dove si celebra il Cristo trionfante; maestoso il Mausoleo di Teodorico, con la sua poderosa copertura in pietra d’Istria; la Basilica di San Vitale, massimo tesoro dell’età paleocristiana, custodisce il ritratto della corte imperiale bizantina; fuori città, elegantissima, la Basilica di Sant’Apollinare in Classe esalta nell’abside Cristo e Sant’Apollinare, primo vescovo e santo patrono della città.

L’offerta culturale a Ravenna si basa sugli otto monumenti riconosciuti patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1996 ma le sue attrattive e monumenti culturali sono in realtà molte di più. Ravenna, infatti, non è soltanto mosaico. Passeggiando per la città si possono incontrare torri campanarie e chiostri monastici, esempi di arte romanica e gotica, i meravigliosi affreschi giotteschi di Santa Chiara, il barocco dell’abside di S. Apollinare Nuovo, senza poi dimenticare le testimonianze dell’ultimo rifugio di Dante Alighieri e i Palazzi cittadini che conobbero gli amori di Lord Byron.

facebook
instagram
twitter
pinterest
youtube